sabato 7 aprile 2012

esperimento 108: pastiera napoletana

Questa ricetta avrei dovuto postarla mercoledì, almeno per chi avesse avuto voglia di replicarla, infatti secondo la tradizione napoletana la pastiera va preparata il giovedì santo e mangiata la domenica. Io l'ho già assaggiata giusto per capire, visto che è il terzo anno che mi cimento con la pastiera, ma la prima volta che sono soddisfatta del risultato (tralasciando l'estetica). Non conoscendo nessun napoletano che potesse girarmi una ricetta affidabile,  ancora una volta mi sono dovuta affidare alla rete. Mi sono imbattuta in questo video girato con fini pubblicitari, ma che mi sembrava contenesse un po' di "core" partenopeo e sul forum di Gennarino ho trovato una ricetta molto simile. Ho fatto un mix tra le due e  il risultato a mio parere è perfetto, si sentono bene tutti i sapori e la consistenza è umida e soffice, nonostante pensassi di averla cotta troppo. Da provare anche dopo Pasqua, intanto tanti auguri!


Le mie dosi sono circa 1/3 di quelle della ricetta del video con qualche variante,  adatte a uno stampo svasato di 20 cm di diametro nella parte più larga e profondo 3 cm.
Con la frolla che avanza si possono fare dei semplici biscotti.

Dati
per la frolla
250 gr farina 00
150 gr burro freddo
100 gr zucchero semolato
1 pizzico di sale
scorza di limone o vaniglia a piacere
1 uovo
per il ripieno
150 gr grano cotto
50 gr latte
10 gr burro
1 cucchiaino zucchero
la buccia di 1/3 di limone
1 pizzico di sale
i semini di 1/2 baccello di vaniglia
250 gr ricotta fresca
180 gr zucchero
2 uova
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino acqua ai fiori d'arancio
50 gr canditi misti

Procedimento
per la frolla
  1. Con la punta delle dita o con la foglia della planetaria lavorare il burro freddo con la farina fino a ottenere una consistenza sabbiosa.
  2. Aggiungere lo zucchero, il sale e gli aromi e mescolare.
  3. Versare l'uovo e lavorare il meno possibile fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo.
  4. Appiattire l'impasto, avvolgere nella pellicola e lasciare in frigo per almeno un'ora.
  5. Rilavorare brevemente l'impasto con le mani per ammorbidirlo leggermente. Tenerne da parte circa 1/3 per le strisce decorative. Stendere con un mattarello fino a circa 5 mm  rivestire una tortiera possibilmente leggermente svasata di di diametro.
per il ripieno
  1. In un pentolino mettere il grano cotto, il latte, la buccia di limone, il cucchiaino di zucchero i semini di vaniglia e il sale. Cuocere finché il latte è assorbito e il tutto assume la consistenza di una crema (circa 10 minuti). Far raffreddare.
  2. Setacciare la ricotta e sbatterla con lo zucchero, aggiungere le uova continuando a sbattere.
  3. Aggiungere il composto di grano e tutti gli altri ingredienti e mescolare bene.
  4. Versare nella tortiera rivestita dalla frolla e posizionare le strisce decorative sulla superficie.
  5. Cuocere a 160°-170° per circa 1 ora o finché assume un bel colore "bruciato"
  6. Sfornare, lasciare raffreddare su una griglia e se si riesce aspettare 3 giorni prima di  mangiarla.
Risultato
1 piccola pastiera napoletana.

pastiera

17 commenti:

  1. complimenti è spettacolare!!un abbraccio e auguri di Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  2. Che perfezione! Complimenti cara e tanti auguri

    RispondiElimina
  3. Quanto mi piace la foto con la mano! Buona Pasqua Laura

    RispondiElimina
  4. Buonissima...Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  5. che meraviglia, sia le foto che la pastiera, Buona Pasqua anche a te.

    RispondiElimina
  6. Davvero una meraviglia! Bravissima!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia che "bel volto" che ha questa pastiera.... bravissima come sempre :)

    Tanti cari auguroni di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  8. L'aspetto è bellissimo! Per quanto riguarda le dosi, nel mio caso dovrei quantomeno quadruplicarle :-D Felice Pasqua, carissima!!!

    RispondiElimina
  9. la foto fa venire l'acquolina; peccato per quelle unghie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah!!! hai perfettamente ragione!! è una vita che sfotto il mio fidanzato per le sue mani orrende, ho avuto lo stesso tuo pensiero quando l'ho visto la prima volta.

      Elimina
  10. la ricetta è davvero eccellente, bravissima!
    le foto sono uno uno spettacolo!!!

    RispondiElimina
  11. Senti, io mi voglio proprio sbilanciare senza pudore e spero che nessuno legga questo commento, ma per me la tua pastiera è la più bella che ho visto in giro!
    I rombi ampi e allungati e il loro colore chiaro rispetto a quello ambrato del ripieno cotto la rendono da 10 e lode!!!
    E poi un'altra cosa te la voglio proprio dire: tutto quello che vedo qui è stu-pen-do.
    ZAN ZAN!!!

    RispondiElimina
  12. E' semplicemente perfetta! E con delle foto così un doppio attentato! Baci, buona giornata

    RispondiElimina
  13. Non ho mai fatto la pastiera..ma la tua ha un aspetto meraviglioso!! Sei sempre bravissima!!
    E poi davvero..le tue foto mi fanno letteralmente morire!!
    Ma come fai a farle così belle????
    Ancora complimenti..brava!
    A presto, ti aspetto..
    kika

    RispondiElimina
  14. uno dei blog piu' belli che abbia mai visto!

    Camilla x

    http://caffe-shakerato.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. la ricetta della mia nonna - napoletana- prevede nella frolla, al posto della vaniglia o del limone, un po' d'acqua di fiori d'arancio (da un sapore e un profumo splendidi) Non amo i canditi, io uso solo il cedro che taglio a pezzi piccolissimi, il calore li fa sciogliere, resta solo il sapore e il profumo.
    Kimy

    RispondiElimina